Orioli Carbon Fiber Repair & Production

La nostra storia

Giacomo Orioli

Fondatore e titolare dell’azienda, iniziò a lavorare con il carbonio come refilatore e finitore da giovanissimo, distinguendosi subito grazie alla sua inventiva, alla efficienza delle sue tecniche e divenendo in poco tempo responsabile di tutta la catena di produzione.

 

Grazie all’esperienza maturata, acquisì nuove competenze anche negli altri reparti, ad esempio nella lavorazione del carbonio attraverso la laminazione dei tessuti pre-impregnati e nei processi di utilizzo dell’autoclave.

 

Durante questi anni però, continuò a seguire la sua più grande passione: le corse automobilistiche. Fu grazie alle competizioni a cui partecipava come pilota, che cominciò a fiutare un’idea imprenditoriale: era necessario riparare i componenti danneggiati delle auto durante le gare, al posto di acquistarne di nuovi in continuazione.

 

Fu così che unendo questi due ambiti, comprese di poter offrire ai vari team un servizio più conveniente in termini di costi, reperibilità e tempistiche, lavorando in parallelo, al suo progetto privato.

L’origine

L’azienda nacque da un’idea e dal desiderio del signor Orioli di affermarsi e mettersi in gioco. 

 

Le prime macchine su cui cominciò a lavorare furono le Lamborghini Huracán, seguirono poi diverse vetture TCR e GT fino ad arrivare ai Formula e ai prototipi coperti.

 

I metodi utilizzati all’epoca erano manuali, le pelli di carbonio venivano lavorate a secco e con impregnazione manuale. 

FIBRA DI CARBONIO: REALIZZAZIONE E PRODUZIONE

La svolta avvenne con l’acquisto dell’autoclave, che permise di aumentare notevolmente la qualità delle riparazioni e ridurre drasticamente i tempi di lavorazione.

 

Una delle prime richieste interessanti e sfidanti ricevute è stata da parte di un cliente austriaco che ha commissionato lo sviluppo delle componenti aerodinamiche per la sua auto, un prototipo fatto su una base di una 500. (Clicca qui per approfondire)

 

Oggi l’impresa si distingue per essere un’azienda strutturata e operativa a livello mondiale in tutta Europa, in Giappone, in Cina, negli Emirati Arabi e negli Stati Uniti.

Dall’apertura Orioli non ha mai smesso di investire, aggiornando metodi e rimodernando continuamente gli spazi in funzione alle diverse esigenze.

Dopo 6 anni di continua crescita, l’azienda presenta 11 collaboratori,